È qui la festa? Media italiani e Graffiti Writing a fine anni ’90

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

L'Unità 22.11.1998

Recentemente ho ritrovato (grazie Kay) questa intervista rilasciata per L’Unità nell’ormai lontano 1998. Questa è solo la parte che mi riguarda, la pagina completa riporta anche le parole dei miei vecchi amici Atomo Tinelli e Marco Teatro: QUI trovate il PDF completo. Rileggerla a distanza di  tempo mi ha regalato qualche veloce riflessione:

1) era il 1998 e sebbene il Graffiti Writing esistesse in Italia da quasi 15 anni, i giornalisti italiani (come del resto studiosi d’arte, critici, politici, amministratori locali) ne sapevano ancora veramente poco. L’intervistatore, che pur sembra in buona fede, non lesina errori e confusioni banalissime quasi gli fosse stato precluso informarsi decentemente, insomma fare una semplice ricerca tipo quella che fanno gli adolescenti alle medie.
Pur sapendone quasi nulla, non lesina tuttavia nel trarre conclusioni personali (vista la semplicità dell’argomento!) la principale delle quali sintetizzata nel titolo: Writers e graffitisti, è qui la festa. In soldoni: ovunque nel mondo questo fenomeno è scemato, solo a noi sfortunati italiani è andata male. Quasi la solita accusa di provincialismo italiano: arriviamo dopo e smettiamo dopo.
Come sia poi andata in Italia e nel resto del mondo lo sappiamo: siamo nel 2016 e quest’arte è più viva che mai, è diffusa capillarmante in ogni angolo del mondo e si presenta sotto mille volti nuovi, capace di reinventarsi continuamente.
2) Sono felice di rispecchiarmi ancora nelle mie parole di un tempo. Non sempre mi è capitato di poterlo dire, molte volte mi sono trovato di una banalità disarmante, poco più che un ragazzino alle prese con qualcosa più grande di lui (l’arte ed il proprio ego).
In questo caso condivido ancora l’analisi che avevo tratteggiato: riflette la situazione a fine anni ’90.
E oggi? Aspetto che L’Unità o qualunque altro quotidiano mi mandi un professionista preparato per raccontare il seguito. Preparato ho detto.

    Posted in 1998, Airone, Graffiti & Street Art, Media

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    *

    Please complete the missing part * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.